Storia, geografia e aspetti inconsueti del mandorlo

Domenica 25 Agosto 2013 ore 18,00 presso la Masseria Ferragnano, GAL Valle d’Itria (Locorotondo). In caso di pioggia l’incontro si terrà nel Centro Risorse Polivalente “Basile Caramia”, via Cisternino 283.

 

La mandorla è il seme arrivato anticamente, oltre duemila anni fa, dall’Asia e diffuso in Puglia per opera dei Greci. Si è ben propagata, favorita dal clima e dalla qualità del terreno, grazie alle sue riconosciute proprietà organolettiche, nutrizionali, cosmetiche e farmacologiche.

Fino a pochi anni fa, la fioritura bianca dei mandorli segnava l’arrivo della primavera sulla rossa terra di questa regione. Per tradizione, la fine dell’estate vede la raccolta, l’essicazione e la trasformazione delle mandorle in deliziosi sciroppi, biscotti, sorbetti.

 

catalano

Luigi Catalano è agronomo specializzato in produzioni arboree, ricopre ruoli dirigenziali presso organismi associativi tra vivaisti e di rappresentanza nazionale del settore. Si occupa di aspetti tecnici e normativi in ambito nazionale e comunitario. Svolge attività di divulgazione ed è consulente di organizzazioni internazionali come la FAO e il CIHEAM con missioni ed esperienze di lavoro nell’ambito di progetti di cooperazione in oltre 20 paesi nel mondo. L’innata passione per le mandorle gli è valsa all’età di dieci anni il prestigioso incarico di guardiano delle produzioni di famiglia stese ad asciugare al sole di Terlizzi.

 

Programma

  • Proiezione di immagini
  • Degustazione di latte di mandorle e confetti

  

mandorle2

Smallatura delle mandorle a Terlizzi: partecipa l’intera famiglia (per gentile concessione dell’Archivio fotografico Famiglia Altamura Mariella)

 

Fonte: www.festivaldeisensi.it